Bambini in pericolo: ecco il prodotto ritirato dalla Coop (FATE GIRARE)

0
1096

ciuccio-coop-ritirato

Tra i prodotti per bambini in vendita nel settore infanzia della Coop è stato ritirato il succhietto in caucciù anatomico della linea “Crescendo”, sia quello da 0 a 6+ mesi, sia quello da 18+ mesi. Siamo andati sul sito ufficiale dell’azienda e abbiamo letto il grave annuncio nella categoria “Avviso di richiamo prodotti”, rivolto a tutti quei consumatori, che lo hanno inconsapevolmente comprato in precedenza.

Precisamente si legge: “Coop precauzionalmente ha già ritirato il prodotto dalla vendita. Invitiamo i consumatori, che l’avessero acquistato, a non utilizzare il prodotto e a restituirlo al punto vendita per la sostituzione o il rimborso della confezione”. Viene fornito, in calce all’annuncio, anche un numero verde per qualsiasi tipo di informazione o chiarimento. Ma qual’è il motivo per cui il ciuccio della Coop è stato ritirato dagli scaffali?

Prodotti per bambini: l’annuncio della Coop

Nei succhietti a marchio Coop con supporto rigido in plastica in rari casi potrebbe verificarsi il distacco della tettarella“, si legge sul sito dell’azienda. Il succhietto, che in molti chiamano anche ciucciotto o ciuccio, non è altro che una tettarella di gomma, plastica, caucciù o silicone, che viene data ai bambini per soddisfare il loro naturale riflesso della suzione, quindi per conciliare il sonno o in genere per calmarsi. Il succhietto deve essere, quindi, prodotto, nella totale garanzia dello stesso.

Il ciuccio si presenta come come fosse una tetta artificiale strutturato con una impugnatura. Le dimensioni sono appositamente studiate per impedire che il bambino possa ingerirlo e variano a seconda dell’età. Il fatto che per un succhietto si possa correre il rischio di soffocamento a causa del “distacco della tettarella”, è davvero molto grave. Invitiamo, dunque, i consumatori ad informarsi sempre e totalmente sull’acquisto di prodotti per l’infanzia dei propri figli.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.